Barbagli d'intelletto.

La tua vita è la tua vita.
Non lasciare che le batoste la sbattano nella
cantina dell’arrendevolezza.
Stai in guardia.Ci sono delle uscite.Da qualche
parte c’è luce.
Forse non sarà una gran luce ma la vince sulle
tenebre.
Stai in guardia.Gli dei ti offriranno delle occasioni.Riconoscile,
afferrale.
Non puoi sconfiggere la morte ma puoi sconfiggere la morte in
vita, qualche volta.
E più impari a farlo di frequente, più luce ci
sarà.
La tua vita è la tua vita.Sappilo finché ce l’hai.
Tu sei
meraviglioso gli dei aspettano di compiacersi in te.

Charles Bukowski "Il cuore che ride. "

lunedì 18 febbraio 2008


Se tu dovessi venire in autunno

mi leverei di torno l'estate

con un gesto stizzito ed un sorrisetto,

come fa la massaia con la mosca.


Se entro un anno potessi rivederti,

avvolgerei in gomitoli i mesi,

per poi metterli in cassetti separati -

per paura che i numeri si mescolino.


Se mancassero ancora alcuni secoli,

li conterei ad uno ad uno sulla mano -

sottraendo, finchè non mi cadessero

le dita nella terra della Tasmania.


Se fossi certa che, finita questa vita,

io e te vivremo ancora -

come una buccia la butterei lontano -

e accetterei l'eternità all'istante.


Ma ora, incerta della dimensione

di questa che sta in mezzo,

la soffro come l'ape-spiritello

che non preannuncia quando pungerà.


Dikinson


Nessun commento: