Barbagli d'intelletto.

La tua vita è la tua vita.
Non lasciare che le batoste la sbattano nella
cantina dell’arrendevolezza.
Stai in guardia.Ci sono delle uscite.Da qualche
parte c’è luce.
Forse non sarà una gran luce ma la vince sulle
tenebre.
Stai in guardia.Gli dei ti offriranno delle occasioni.Riconoscile,
afferrale.
Non puoi sconfiggere la morte ma puoi sconfiggere la morte in
vita, qualche volta.
E più impari a farlo di frequente, più luce ci
sarà.
La tua vita è la tua vita.Sappilo finché ce l’hai.
Tu sei
meraviglioso gli dei aspettano di compiacersi in te.

Charles Bukowski "Il cuore che ride. "

sabato 26 aprile 2008

Risposte.

Quando ho scritto " Delirio " non immaginavo di suscitare così tanto interesse . La curva dei visitatori del mio blog ha subito una forte impennata ed i commenti rilasciati sono stati numerosi. Li ho letti con molta attenzione trovandoli sempre interessanti , anche quelli più polemici. Tra tutti ne ho scelti due ai quali ho deciso di rispondere da queste pagine. Il primo è di un ragazzo ventiduenne , purtroppo anonimo , che lamenta la cronica ed asfittica inattività della nostra comunità . Parto dalle sue conclusioni particolarmente pessimistiche : "...MA SINGOLE PERSONE NON POSSONO FARE NULLA. ". Non sono daccordo. Credo che ciascuno di noi possa fare tanto ed è chiamato a dare il suo contributo nei termini e nei modi che più gli si addicono. Questo senso di ineluttabile immobilità che da molti anni pervade il tessuto sociale della nostra San Donaci è generato proprio dalla convinzione che tutto debba esserci dato . Dalla politica , dalla Parrocchia o da altre entità terze a cui spetterebbe il compito di creare gli strumenti per lo sviluppo socio-culturale del nostro paese. Ciò sarebbe auspicabile ed in un paese normale , anche molto probabile. Ma noi viviamo una condizione di degrado della politica e delle istituzioni che non ci consentono nessuna comodità.

Allora le occasioni di crescita dobbiamo crearle da soli sfruttando ogni pur minimo talento con impegno e determinazione . Anche una persona può creare il cambiamento . Il suo personale impegno diventa fermento , lievito per tanti altri che non aspettano di meglio che essere coinvolti nelle più svariate iniziative. Se può servire faccio un piccolo esempio che mi riguarda direttamente. Sino a pochi giorni fa si rischiava di non fare la festa di San Luigi Gonzaga perché il vecchio comitato si era sciolto e nessuno aveva risposto all'appello lanciato per costituirne uno nuovo. E' bastato prendere l'iniziativa e contattare direttamente alcuni giovani ( badate bene non attendere ma agire ) perché questi ultimi accogliessero di buon grado l'invito del parroco. San Donaci è un paese che ha sete di iniziative e vuole crescere. Spetta a tutti noi fare il primo passo. Il consiglio che in conclusione posso dare all'amico che mi ha scritto è il seguente : non aspettarti nulla dagli altri ma sii tu il primo ad agire in qualunque campo ed in qualunque modo riterrai opportuno. Per migliorare il nostro paese bisogna innanzitutto amarlo. San Donaci siamo tutti noi , San Donaci sei tu.

Il secondo commento è quello di Marco , deluso dal risultato del centro destra a San Donaci , ma ancora motivato e pronto ad affrontare le sfide che verranno. A lui vorrei dire che amo la storia sin dai tempi del liceo perché profondamente convinto che non si possa costruire il futuro senza trarre un saggio insegnamento dal passato. Solo chi non ha coscienza non si guarda indietro. Solo chi manca di responsabilità non sente il dovere di fare analisi. Non è dai 1850 voti che dobbiamo ripartire , ma dalla ricerca seria ed obiettiva delle motivazioni che ci hanno impedito di aggiungerne altri 1000. Dobbiamo capire sino in fondo le cause che hanno fatto allontanare la gente dalla nostra area politica. E per favore non mi si dica che comunque il risultato delle urne è soddisfacente se lo si paragona a quello di cinque anni fa ( allora il c.d. vinse con 1900 voti ) . Chi afferma ciò dimentica o finge di dimenticare che nella scorsa competizione c'era una lista in più che ottenne un migliaio di voti , giusto l'ammontare della differenza tra la lista di c.d. e quella di Serio. Detto questo sono daccordo con il fatto che la priorità è rappresentata dall'unità delle forze che si ritrovano in quest'area. Occorre ripartire da un progetto comune e , aggiungo , comunemente condiviso ; da costruire insieme come si fa quando si realizza una nuova casa. Tutti progettisti , tutti muratori. Non si può pretendere di considerarsi proprietari dell'edificio nel quale semmai far accomodare gli altri nella stanza degli ospiti. L'unità , secondo il mio punto di vista , si realizza solo così . E l'affissione arbitraria ed illegittima di un simbolo su un muro certamente non aiuta.


Nicola De Silla

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi permetto di dissentire, perché in tutte le elezioni (politiche, europee, provinciali, ecc.) a San Donaci il centrosinistra ha sempre vinto, ottenendo mediamente il 55% dei voti, corrispondenti a circa 500 elettori.
Il centrodestra a San Donaci è minoranza, e siccome non ha mai fatto politica attiva sul territorio i rapporti di forza sono sempre rimasti invariati.

Però se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno, invito tutti a sommare i voti di lista area CD e CS dal sito ufficiale del Ministero e troveremo una sorpresa inaspettata.
Risultati elezioni politiche San Donaci

Nonostante la disfatta delle comunali, alle elezioni politiche per la prima volta a San Donaci, c'è stata un'importante inversione di tendenza, senza che il centrodestra locale facesse niente.

Infatti sommando i voti di tutte le liste del centrodestra otteniamo questo risultato:
PDL-Mpa 1672+
Udc 372+
Destra 127
Altri 30
TOTALE 2201

Centrosinistra
PD-Idv 1928+
Arcob 252+
PSI 61+
Pcl 35+
Sin. cri 24+
Per il bene com. 23+
Un. Dem. Cons. 7
TOTALE 2330

DIFFERENZA 129 voti

Avete letto bene, la differenza con il centrosinistra di 500 elettori, si è ridotta a soli 129 elettori.

Il messaggio è chiaro: il paese vuole cambiare colore politico.

Forse il merito di questa inversione è di Berlusconi e il demerito è di Vendola, Prodi, D'Alema, ma avremo modo di verificarlo.
L'anno prossimo ci potrebbe essere il sorpasso del centrodestra se si lavora bene, si fa capire alla gente i danni che può provocare il criptico catto-comunismo del centro sinistra, e che gli ideali liberali del centrodestra sono più vicini alle istanze del popolo sandonacese.

Una cosa è certa, la classe politica di centrodestra che ha governato è inadeguata, ed è stata ampiamente bocciata dai cittadini, ad ascoltare l'ex sindaco in Tv cadevano le braccia.
E' necessario un rinnovamento.

Il centrodestra si deve porre come obiettivo l'incremento di 100 nuovi elettori ogni anno, in modo da accumulare quei 500 nuovi elettori che permetterà di vincere le elezioni comunali.
Questo paese può cambiare cultura politica.

GL

Anonimo ha detto...

O wad some Pow'r the giftie gie us
To see ourselves as others see us!
It wad frae mony a blunder free us,
And foolish notion.
Robert Burns, "To a Louse”
O se qualche Potenza ci desse il dono
Di vedere noi stessi come gli altri ci vedono!
Ci libererebbe da tanti errori,
E da tante false idee.

GR

Anonimo ha detto...

Io credo che la forza della politica, in particolar modo in una piccola realtà come San Donaci, sia tutto un gioco di promesse di posti di lavoro, promesse di strade asfaltate, cene e caffè gratis (solo in campagna elettorale, ovvio) e tante altre squallide cose delgenere. Non vorrei essere considerato uno che si aggrappa ai luoghi comuni, ma è evidente agli occhi di tutti che, una volta eletti, destrorsi o sinistroidi che siano, questi si raggruppano per i fatti loro e decidono per il loro bene in primis, lasciando qualche piccola briciola al bene del paese poi. Che cosa si potrebbe fare per migliorare il modo di fare politica, destra o sinistra che vinca? Io credo che la vittoria di una coalizione non debba limitarsi ai voti in più acquisiti, ma debba protrarsi nel tempo coi lavori promessi e poi svolti, con l'impegno CONCRETO, per far si che il paese cresca, e tutti questi lavori devono, in qualche modo, essere dimostrati ai cittadini nel corso dell'amministrazione. Non possono, questi signori, apparire 15 gg prima delle elezioni e sparire 15 gg dopo lo spoglio per poi riapparire 15 gg prima di quelle prossime. Troppo facile così. Io ho votato la lista di Domenico Serio giusto perchè avevo un amico in lista, sono consapevole del fatto che anche questo è sbagliato, perchè so bene che si dovrebbe votare una persona o una lista convincente politicamente, e non solo "l'amico che m'ha chiesto un favore", ma se non ci fosse stata questa "richiesta" credo che avrei anche evitato di recarmi alle urne, perchè non credo più nella politica. Purtroppo. Mi dica lei, caro signor De Silla se le è mai capitato uno stato d'animo delgenere e in che modo ne è uscito.
Cordialmente.
Un giovane sandonacese.

Anonimo ha detto...

Ragazzi è inutile che ci lamentiamo, se il livello della classe politica sandonacese è basso, il motivo è che siamo TUTTI dei menefreghisti (chi più, chi meno).
Dove sono le proposte, dove sono i controlli della gente sull'operato dei politici??????
Ed ecco che viene lasciato tutto in mano ai soliti.

Vogliamo continuare a piangerci addosso????

Il centrosinistra lavori per fare qualcosa a San Donaci, la società civile e il centrodestra facciano una dura opposizione per pretendere l'attuazione del programma per migliorare il paese, nel frattempo si selezioni una classe politica su base meritocratica.

G

Anonimo ha detto...

Nella sala d'aspetto del medico c'era un ragazzino che simpaticamente raccontava dei lavori a scuola.

Incredibilmente ho sentito dire che facevano una recita in cui il protagonista era "l'industriale cattivo" o qualcosa di simile.

E mi sono chiesto, adesso hanno sostituito la favola del lupo cattivo con l'industriale cattivo?
Ma che kultura c'è a San Donaci, ovunque viene esaltato il coraggio dell'imprenditorialità.

Urge un cambiamento.

Anonimo ha detto...

TI FACCIO I MIEI PIU' SINCERI AUGURI CARO NICOLA PER L'INCARICO DI SEGRETERIO DI ALLEANZA NAZIONALE.SPERO QUESTO SIA UN PRIMO PASSO MEDIANTE IL QUALE TU, E IL "CENTRO DESTRA SANO", POSSA DARE VITA AL VERO POPOLO DELLA LIBERTA' A SAN DONACI!!!

Anonimo ha detto...

Carissimo Nicola

il compito di ricostruire un Partito è arduo ma conoscendoti so perfettamente che darei tutto te stesso per farlo, sarà, anche arduo dialogare con questi personaggi che si insignano di appartenere al Popolo delle Libertà... non so ancora a quale Popolo delle Libertà. Il Lolli Carmine, il Lolli Carmelo, il Silli Antonio e la Mariangela Presta sanno o no che esistono dei Partiti prima del Popolo delle Libertà?, lo sanno che il Popolo delle Libertà non è altro che il contenitore dei Partiti e tutto quanto ciò dovrà ancora accadere?, lo sanno che per quanto riguarda San Donaci esistono e sono vivi e presenti Forza Italia, Alleanza Nazionale e i Circoli delle Libertà.
Un saluto

A.M.

Anonimo ha detto...

Caro Nicola,
se con il CD ci saranno "tutti" avrai qualche amico in meno al tuo fianco. Non mi raccontare dell'istituzionalità dei rapporti perchè, incondizionatamente, io sarò dall'altra parte. Tu sai che quando dico una cosa la faccio. Questi sono come i radicali che ti garantiscono l'1% e ti fanno perdere il 12.
E poi prima con taluni bisogna risolvere qualche problemino...
Chi deve intendere ha inteso e se hanno inteso anche quelli che non dovevano intendere... meglio. Perchè a breve, comunque, intenderanno.
Cino Tortorella