Barbagli d'intelletto.

La tua vita è la tua vita.
Non lasciare che le batoste la sbattano nella
cantina dell’arrendevolezza.
Stai in guardia.Ci sono delle uscite.Da qualche
parte c’è luce.
Forse non sarà una gran luce ma la vince sulle
tenebre.
Stai in guardia.Gli dei ti offriranno delle occasioni.Riconoscile,
afferrale.
Non puoi sconfiggere la morte ma puoi sconfiggere la morte in
vita, qualche volta.
E più impari a farlo di frequente, più luce ci
sarà.
La tua vita è la tua vita.Sappilo finché ce l’hai.
Tu sei
meraviglioso gli dei aspettano di compiacersi in te.

Charles Bukowski "Il cuore che ride. "

venerdì 29 agosto 2008

La rana messa in croce.




A ravvivare le pagine culturali dei quotidiani ci pensa oggi l'episodio della così detta opera d'arte della Rana Crocefissa del museo d'arte moderna di Bolzano. Di colore verde con tanto di lingua penzolante , questo grazioso animale viene sottoposto al sommo supplizio con un boccale sulla zampa destra ed un uovo su quella sinistra. Ora , tralasciando l'aspetto relativo alla blasfemia che in qualche modo potrebbe offendere milioni di credenti e che potrebbe semplicemente risolversi snobbando questo grande stupidario che passa sotto il nome di Museion , l'elemento che mi interessa approfondire è il seguente : il concetto di opera d'arte. Afferma l'illustre prof. Barbieri
docente di metodologia della ricerca storico-artistica all'università Ca'Foscari : «Premetto che non conosco l'artista e le sue opere. Dalla foto della statua, vedo che si tratta di una rana un po' romanica, per cultura e per segno» ed ancora «Evviva la libertà. Fatte le debite proporzioni, non dimentichiamo che Michelangelo subì attacchi molto duri per il suo Giudizio Universale» Il vero scandalo secondo me , e lo dico da credente , consiste nel fatto che si paragoni un capolavoro come l'opera di Michelangelo con il lavoretto da scuola elementare di questo tale Kippenberger che passa per opera d'arte e merita addirittura un'eloquente esegesi interpretativa da parte di un professore universitario che insegna alle nuove generazioni il concetto di bellezza nell'arte. Mi pongo un semplice interrogativo : sarei capace di dipingere la Cappella Sistina come ha fatto Michelangelo ? No. Sarei in grado di mettere in croce uno rana o uno scarafaggio ( magari anch'esso un po romantico ) ? Si . Ergo sono anch'io un artista ?




Nicola De Silla

Nessun commento: