Barbagli d'intelletto.

La tua vita è la tua vita.
Non lasciare che le batoste la sbattano nella
cantina dell’arrendevolezza.
Stai in guardia.Ci sono delle uscite.Da qualche
parte c’è luce.
Forse non sarà una gran luce ma la vince sulle
tenebre.
Stai in guardia.Gli dei ti offriranno delle occasioni.Riconoscile,
afferrale.
Non puoi sconfiggere la morte ma puoi sconfiggere la morte in
vita, qualche volta.
E più impari a farlo di frequente, più luce ci
sarà.
La tua vita è la tua vita.Sappilo finché ce l’hai.
Tu sei
meraviglioso gli dei aspettano di compiacersi in te.

Charles Bukowski "Il cuore che ride. "

martedì 2 dicembre 2008

Chi sei.


Chi sei tu per ridere dei sentimenti

per scherzare delle emozioni

per canzonare la verità.


Chi sei tu per prendere tutto alla leggera

per pensare che la tua vita sia ormai un monolite

che il ricordo delle tue disgrazie

sia l'unico antidoto per non riceverne altre.


Chi sei tu che dileggi la sensibilità

confondi il riso con la felicità

e credi che passando leggeri sull'esistenza

essa sia più sopportabile.


Chi sei tu che pensi di non poter esser migliore

che rinunci alla ricerca per paura di cosa ci sia alla meta

che accetti il rischio di passare per stupido

perché hai paura della tua intelligenza.


Chi sei tu che fai tanto male a te stesso

da celare sotto una cappa di ilarità la tua vera natura

che non hai il coraggio di guardarti l'anima

che sei incapace di affrontare i tuoi fantasmi.


Chi sei tu che non comprendi

che l'aggressività è compagna della debolezza

e la serenità della forza.


Chi sei tu chiuso nel tuo formidabile castello di incertezze

fatto di vere lacrime e apparente indifferenza.


Chi potrai diventare tu se non ti chiedi , ora , chi sei.



Nicola De Silla

Nessun commento: