Barbagli d'intelletto.

La tua vita è la tua vita.
Non lasciare che le batoste la sbattano nella
cantina dell’arrendevolezza.
Stai in guardia.Ci sono delle uscite.Da qualche
parte c’è luce.
Forse non sarà una gran luce ma la vince sulle
tenebre.
Stai in guardia.Gli dei ti offriranno delle occasioni.Riconoscile,
afferrale.
Non puoi sconfiggere la morte ma puoi sconfiggere la morte in
vita, qualche volta.
E più impari a farlo di frequente, più luce ci
sarà.
La tua vita è la tua vita.Sappilo finché ce l’hai.
Tu sei
meraviglioso gli dei aspettano di compiacersi in te.

Charles Bukowski "Il cuore che ride. "

venerdì 14 maggio 2010

Lettera Di Marcello Taurino


Caro Nicola,
non sono sorpreso tanto da quello che hai scritto e di cui comunque Ti ringrazio, quanto da quello che la gente per strada, dopo il tuo post, mi ha detto quasi meravigliata del fatto che io fossi Tuo Amico. "Certo!" ho avuto più volte modo di rispondere "...sono amico". Il sottoscrritto è amico di chi è stato sempre cordiale, corretto e aperto al confronto. Nel caso Tuo, Nicola, tale confronto è stato sempre diretto alla trasparenza dei rapporti seppur, spesso, nella diversa visione di alcune posizioni. Ma quantomeno ci siamo sempre detti tutto in faccia a differenza di quei politici che hanno utilizzato le nostre candidature, le nostre amicizie amicizie e i nostri rapporti politici per arrivare solo ed esclusivamente a rafforzare le proprie lobbi e i propri interessi personali e non certamente quelli della collettività cittadina. E i risultati si vedono, basta andare in giro per il paese e vedere il degrado. Tra un pò alla gente di Sandonaci leveranno anche la dignità. Ho ritenuto con grande piacere di avvertirTi subito della notizia di Curto perchè ho sempre rispettatto, anche se in una corrente diversa, la persona politica a cui Tu sei molto legato. Ho sempre apprezzato Curto perchè, a differenza di altri grossi politici locali, ha sempre difeso a denti stretti i propri uomini, il proprio
partito, e a differenza dei rappresentanti di Forza Italia che , nel brindisino, hanno sempre preferito mettere in secondo piano gli altri non dando ai propri uomini la possibilità di esprimersi e lasciandoli sempre in balìa degli eventi. Non dimentico come Curto, quando entrambi eravamo candidati sindaci, difendeva la Tua candidatura. Pur non ottenendola comunque è riuscito a portare il risultato ad AN candidando con anche il Tuo consenso una terza persona sulla quale non sprecherò una sola parola perchè dopo la sua candidatura ha pensato bene, dopo l'elezione, a voltare le spalle a Curto aggrappandosi ad altri politici solo per i propri scopi personali. Faccio gli auguri a Curto per la sua entrata in Consiglio regionale e credo, per quanto sopra detto, che chi rispetta i propri uomini dia grande dimostrazione di rispetto per la collettività.
L'Amico Marcello Taurino

Nessun commento: