Barbagli d'intelletto.

La tua vita è la tua vita.
Non lasciare che le batoste la sbattano nella
cantina dell’arrendevolezza.
Stai in guardia.Ci sono delle uscite.Da qualche
parte c’è luce.
Forse non sarà una gran luce ma la vince sulle
tenebre.
Stai in guardia.Gli dei ti offriranno delle occasioni.Riconoscile,
afferrale.
Non puoi sconfiggere la morte ma puoi sconfiggere la morte in
vita, qualche volta.
E più impari a farlo di frequente, più luce ci
sarà.
La tua vita è la tua vita.Sappilo finché ce l’hai.
Tu sei
meraviglioso gli dei aspettano di compiacersi in te.

Charles Bukowski "Il cuore che ride. "

sabato 7 maggio 2011

UNA LAMPADINA PER RUHENGERI


Qualche anno fa ,durante la partecipazione ad una messa di Capodanno nella mia parrocchia , ho avuto la fortuna di conoscere don Fabiano Hagenimana. Un sacerdote del Rwanda in missione in Italia. Fu proprio in quel luogo sacro che ascoltai la più bella omelia della mia vita. Io che , lo confesso , ho avuto sempre una concezione critica delle omelie in particolare per quelle fatte solo per rispettare la " procedura " e che ho sempre pensato che il sacerdote dovesse parlare alla comunità riunita per celebrare l'Eucarestia solo nel caso avesse davvero qualcosa da dire , rimasi rapito dalla semplicità espressiva e dalla ricchezza di contenuto delle parole di quell''uomo. Il suo paese aveva perso centinaia di migliaia di uomini e ragazzi a causa della guerra civile e lui parlava della pace con un entusiasmo ed una sicurezza interiore che non avevo mai visto prima. Sono passati diversi anni ma ho ancora in mente le sue parole " la pace è un uomo che cammina verso l'altro a piccoli passi " . Se ci riflettete un po su vi renderete conto di quanto sia vero. Ma veniamo ai giorni nostri. Don Fabiano è tornato nel suo paese e , tra gli altri incarichi ricevuti , è vice rettore dell'università diocesana di Ruhengeri.
Questo inverno durante una cena a casa di un amico comune mi parlò delle criticità del Rwanda , tra cui la carenza cronica di energia elettrica. Solo il 15 % della popolazione ne usufruisce e mai regolarmente a causa della inadeguatezza degli impianti di produzione e distribuzione. Persino l'università , mi raccontava , soffre questo continuo disagio. Allora la mia curiosità mi spinse a fargli una domanda : " cosa possiamo fare noi per questo problema ? ". Mi fu risposto che la priorità maggiore era quella di garantire agli studenti che utilizzavano la sala computers di svolgere il proprio lavoro regolarmente e senza vedersi cancellato buona parte di esso a causa del black out. Convenimmo che al suo ritorno avrebbe redatto uno studio di fattibilità ed un preventivo di spesa per realizzare l'iniziativa. Io , da parte mia , gli promisi il mio impegno. Oggi possiamo partire con l'iniziativa " Una lampadina per Ruhengeri " .
Credo che con l'aiuto di Dio e di molti di voi potremo centrare l'obbiettivo. Desidererei che rifletteste su una questione. L'Africa non è lontana . Parte di essa arriva tutti i giorni sulle nostre coste e sempre di più ne sbarcherà se non riusciremo a capire che è nostro dovere di cittadini del mondo occidentale porre in essere le condizioni per uno sviluppo endogeno. Da credenti poi abbiamo una motivazione in più : " Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere ". In questo post troverete la lettera-appello di Don Fabiano Hagenimana. Vi prego di leggerla con attenzione e se volete unitevi a noi nello sforzo gioioso di accendere una lampadina a Ruhengeri. Grazie.
Nicola De Silla





Cari amici,
Sono don Fabiano Hagenimana, sacerdote della diocese di Ruhengeri, Rwanda. Sono Prorettore all’INES-Ruhengeri, università della diocese di Ruhengeri. Nella mia diocese di Ruhengeri mi occupo di altri progetti di educazione nella diocese e fuori. Per esempio sono stato nominato presidente del consiglio di amministrazione del centro di formazione di mestieri. Sono anche coinvolto nell’insegnamento. Insegno al Philosphicum di Kabgayi e, naturalmente, all’INES. Il mio coinvolgimento nei programmi di educazione mi ha dato una esperienza nella cooperazione con varie istituzioni coinvolte nell’educazione.
Durante la mia scorsa visita in Italia ho parlato del mio progetto di educazione. Ho fatto capire che l’educazione è la chiave sicura dello sviluppo e la strada giusta per arrivare ad una società giusta e democratica. L’educazione puo aiutare il popolo ad uscire dal circolo vizioso della violenza che ha marcato molti popoli del pianeta. In Rwanda, l’educazione ci aiuta a superare I tempi bui della Guerra e del genocidio conosciuti dal 1990 al 2000. L’educazione ci aiuta a andare oltre le divisioni e discriminazioni che sono puro frutto di manipolazione dei ladroni che rovinano la società nel nome di fare politica. Una volta che il popolo è educato non si lascia facilmente ingannare. L’educazione apre la mente e la rende critica. L’educazione aiuta il popolo a prendere il destino nelle proprie mani.
La diocese di Ruhengeri fa molti sforzi per rendere effeficaci il suo impegno. Tuttavia, da sola non puo andare lontano. Ecco perché vorrei presentare il progetto di impiato fotovoltaico all’INES-Ruhengeri. INES-Ruhengeri è una università fondata dalla Diocesi di Ruhengeri ed è molto apprezzato per I suoi programma che rispondono ai veri bisogni della società. I programmi dell’INES sono I seguenti: Facoltà di Scienze Fundamentali applicate (Dipartimento di biotechnologie, Dipartimento di Statistica applicata all’Economia, Dipartimento diTopografia); Facoltà di Economia, Scienze sociali e Management (Dipartimento di Economia dello sviluppo rurale, Gestione delle imprese, Amministrazione publica e good governance); Facoltà di langue e linguistic applicata (Dipartimento di insegnamento di inglese e Francese, Dipartimento di traduzione e intermpretariato), Facoltà di Giurisprudenza. INES Ruhengeri ha 3028 studenti e continua a crescere in qualità e in quantità. Questi ultimi anni INES sta elaborando una riforma dell’insegnamento. INES si sta imbarcando sulla strada delle scienze applicate cioè scienze professionali. INES sta lavorando per aumentare la qualità dei suoi prodotti secondo le esigenze del mercato. INES vuole anche aumentare il servizio alla communità. Per arrivarci, INES sta creando un centro di competenze interdisciplinari per lo sviluppo regionale. Tra le competenze interdisciplinari sono tra altro ICT, imprenditorietà, GIS, project management.
Per poter donare la competenze agli studenti, staff e la comunità alcuni servizi hanno delle esigenze particolari. Oltre alle infrastrutture di base, c’è bisogno di elettricità per poter sostenere il servizio de ICT e dei laboratori. Inn Rwanda,non piu del 15%della popolazione ha accesso all’elettricità. Anche quelli che hanno elettricità non ce l’hanno regolarmente. Ci sono interruzioni lungo la giornata che, naturalmente, non aiutano ad arrivare ai risultati efficaci. Rwanda usa l’idroelettricità. Anche se disponiamo di acqua, gli impianti per produrre energia elettrica non sono tanti. Invece, abbiamo il sole che possiamo usare e trovare soluzioni che protegono l’ambiente. Ecco preché mi rivolgo a tutte le persone di buona volontà che avrebbero capacità di darci la mano per l’aquisto di impianti fotovoltaici. Vogliamo cominciare con i laboratori di ICT. La prima fase del progetto copre 55 computers tra i 150 esistenti. Una volta che disponiamo di energia fotovoltaica, riusciremo a migliorare I nostril servizi agli studenti ma anche alla comunità.
Conto sulla solidarietà dell’umanità per rializzare quasto progetto che, con il nostro income non riusciamo a fare da soli.
Don Dott. Fabien Hagenimana
Per contattarmi:
e.mail: hagena2002yahoo.fr
Mobile phone: +250783312869
Webesite: www.ines.ac.rw

Nessun commento: