Barbagli d'intelletto.

La tua vita è la tua vita.
Non lasciare che le batoste la sbattano nella
cantina dell’arrendevolezza.
Stai in guardia.Ci sono delle uscite.Da qualche
parte c’è luce.
Forse non sarà una gran luce ma la vince sulle
tenebre.
Stai in guardia.Gli dei ti offriranno delle occasioni.Riconoscile,
afferrale.
Non puoi sconfiggere la morte ma puoi sconfiggere la morte in
vita, qualche volta.
E più impari a farlo di frequente, più luce ci
sarà.
La tua vita è la tua vita.Sappilo finché ce l’hai.
Tu sei
meraviglioso gli dei aspettano di compiacersi in te.

Charles Bukowski "Il cuore che ride. "

mercoledì 3 aprile 2013

Il "Grillismo" e la vecchia chimera dell'antipolitica.

Jacopo Fo scriveva l'altro ieri sul suo blog , riferendosi al Movimento 5 Stelle , di non aver mai assistito all'ascesa così repentina e fulminante di un movimento politico. In effetti aveva ragione . In appena due anni il comico genovese ha saputo con un fortunato mix di arguzia e populismo , imbrigliare lo scontento di una sempre crescente fascia elettorale stanca delle numerose delusioni a cui una classe politica miope e cinica l'aveva sottoposta.
Le amministrative prima , le regionali poi ed infine le consultazioni politiche hanno sancito un successo senza precedenti che nessuno di noi credeva potesse raggiungere tali proporzioni.
Io ad esempio , pur concedendo nelle mie previsioni  un ottimo risultato ai grillini , non mi ero spinto così lontano. Anche perché ancora una volta mi ero illuso che insulti improperi e gag se non accompagnati da robusti contenuti in termini politici ed economici , non potessero essere poi così efficaci. Invece no. Mi sono sbagliato ed in buona anzi ottima compagnia. Basta leggere i pezzi del fior fiore dei commentatori politici per rendersi conto dell'abbaglio comune.
In fin dei conti ancora una volta ero io in errore. Come ho fatto a non capire che la teoria della decrescita felice potesse essere un'idea di politica economica vincente ? Che la proposta di mettere al bando tutte le auto a benzina fosse così enormemente condivisa ?  Che l'abolizione dei sindacati avesse tanto appeal proprio a sinistra ?  Che la convinzione che i vaccini conducono all'autismo fosse così diffusa ? Ed ancora che basta un " Vaffa..." per cancellare quasi due secoli di istituzioni nazionali ? Che dire poi di quella genialata del reddito minimo di cittadinanza di 1.000 €  mensili ?  Avrei dovuto riflettere meglio e comprendere che la vecchia chimera dell'antipolitica nonostante gli anni mantinene inalterato il suo fascino. Non si tratta infatti di un concetto nuovo coniato da Casaleggio. Tutt'altro. I 5 stelle possono vantare nobili precursori. i Sofisti nell'antica Grecia , Hobbes , ed ancora Bruno Leoni , il Qualunquismo , per giungere alla Lega Nord delle origini e giù sino al contadino-inquisitore di Montenero di Bisaccia. E' l'eterna contrapposizione tra chi governa e chi è governato. Un conflitto che nei periodi di crisi si acuisce e spesso degenera in rigurgidi populistici e giacobini. Con ciò non voglio affatto assolvere da responsabilità l'attuale classe politica cui va il merito di aver creato le condizioni affinché un vecchio comico bravino nel suo mestiere assurgesse alla carica di leader carismatico di massa. Se avessero chiuso meno i loro palazzi oggi nessuno vorrebbe aprirli con un apriscatole , se fossero stati meno sordi alle invocazioni del popolo oggi non sarebbero costretti ad ascoltare dei sonori "Vaffanculo" al loro indirizzo. Se avessero compreso che persino in politica si delega gente preparata oggi non dovrebbero assistere alle grevi umiliazioni a cui i nuovi cittadini parlamentari li costringono rifiutando loro persino una stretta di mano. Ma soprattutto avrebbero risparmiato a noi  cittadini elettori le pittoresche capigliature che si aggirano a Montecitorio , le plastiche e commoventi pose di mamme con bambino , la profonda ignoranza di chi se pur eletto non conosce nemmeno il nome della sede che da lì a qualche giorno frequenterà sino alla fine della legislatura. Poveri noi , così diffidenti per tratti storici radicati ( siamo un popolo di mercanti ) e così creduloni di fronte alle difficoltà sistemiche. Mi spiace informarvi che non avverrà nessun miracolo. Che il grillo parlante esiste solo nella libro di Collodi. E che all fine non verrà la cavalleria a 5 stelle a salvarci dagli indiani. Possiamo salvarci solo da soli. Senza ricette fantastiche , facili quanto strampalate. Si tratta di un film già visto. Arrivano a Roma con la convinzione di dover cambiare il mondo ma da quel mondo vengono prima affascinati e poi assorbiti . Con loro  portano solo l'entusiasmo che se pur importante non è sufficiente a compiere l'opera . Sognano il cambiamento ma non sanno come farlo. Ambiscono alla rivoluzione ma non hanno studiato la storia , altrimenti capirebbero che i veri cambiamenti dell'umanità sono stati i più silenti i più discreti. Dicono di credere nella democrazia partecipativa ( ciascuno vale 1 ) ma trascurano il fatto che c'è un 1 che vale più degli altri e senza il quale continuerebbero a fare i geometri , gli impiegati , gli studenti fuori corso , le casalinghe. Si illudono che siano tutti a decidere ma in realtà decide solo Grillo e se qualcuno si permette di dissentire viene espulso o al meglio informato che ha sbagliato a votare.  

Nicola De Silla

Nessun commento: